Trasparenza

Trasparenza

La trasparenza per Reti non è semplicemente uno dei valori aziendali che animano il nostro essere impresa, né un semplice obbligo di legge cui ottemperare in maniera fredda e burocratica.

Per chi fa lobby e comunicazione essere trasparenti e chiari nella gestione di progetti e nello svolgimento dei processi rappresenta un pilastro fondante dell’esistenza sul mercato.

Il lavoro di Reti, infatti, si svolge in gran parte nel dialogo, sotto diverse forme, con diversi strumenti, con differenti obiettivi, tra un soggetto privato, portatore di interesse particolare ed una parte pubblica, tutrice dell’interesse generale.

E’ interesse dell’azienda che questo dialogo avvenga con correttezza, serietà, professionalità e che si sviluppi nel rispetto della legge e dei codici etici cui, a vario titolo Reti si sottopone.

Di più: è Reti noi a chiedere allo Stato norme che definiscono sempre meglio i contorni e i confini della propria azione, dal momento che solo in un quadro chiaro si può affermare la qualità dei servizi professionali.

Per questo, prima di ogni azione normativa di livello centrale, Reti si è adeguata al modello 231, attraverso funzioni di audit interno e tramite l’adozione di un codice etico aziendale.

Qui è disponibile il codice etico, in formato pdf. Qui, invece, altre fonti di interesse, come i codici deontologici sottoscritti da FERPI, cui sono vincolati i nostri dipendenti che sono associati e quindi riconosciuti come professionisti certificati dalla Federazione Relazioni Pubbliche Italiana.

A questo link, invece, puoi trovare le registrazioni che Reti ha ottenuto presso i registri dei rappresentati di interesse che sono ad oggi in piena funzionalità.